30 risposte sul futuro delle sponsorizzazioni

30 risposte sul futuro delle sponsorizzazioni

Con il 2018 quasi tutto davanti a noi, abbiamo chiesto ad alcuni dei principali dirigenti del settore sponsorizzazione del mondo quali tendenze si aspettano di vedere durante l’anno. Numero1 ha avuto la possibilità di raccogliere informazioni da 30 dirigenti dall’Australia al Canada, dagli Stati Uniti all’Inghilterra. Questi esperti includono dirigenti senior nell’ambito del settore sponsorizzazione e noti riferimento del pensiero nella comunità del marketing.

A ciascun dirigente è stato chiesto quanto segue: “Come è cambiata la sponsorizzazione negli ultimi anni e quali sono le tendenze da tenere in considerazione per il 2018?“. L’articolo verrà aggiornato ogni giorno con nuove risposte. Ecco cosa ci hanno detto!

[accordion title=”Le risposte”]

[accordion-item title=”Ishveen Anand (CEO & Founder, OpenSponsorship; Forbes 30 Under 30)”]

“Focalizzarsi sullo sport, perché è lì che risiede la mia esperienza: le basi della sponsorizzazione rimangono le stesse, con le aziende che cercano di sfruttare i diritti sportivi per connettersi ai loro clienti, le parti interessate e i dipendenti. Il più grande cambiamento è guidato dal fatto che i fan stanno ora consumando sport attraverso nuovi canali. Gli atleti vengono seguiti più da vicino sui social media rispetto ai tradizionali canali di lettura. Le partite sportive sono ora guardate attraverso Youtube o 15 secondi di clip su Facebook. Gli eventi vengono ora trasmessi in streaming in tempo reale, ignorando i canali di trasmissione tradizionali. Ciò significa che, per gli sponsor, il mercato è più frammentato e più rischioso dato che ci sono dati storici limitati a cui dedicare danaro e quale ROI può essere previsto. La buona notizia è che il richiamo dello sport non sta diminuendo, al contrario, con più sport che guadagnano popolarità grazie alla globalizzazione (si pensi al calcio negli Stati Uniti) e alla possibilità per qualsiasi cosa o chiunque di diventare virale (pensa a tutte le Olimpiadi). Ciò significa che più marchi stanno investendo in sponsorizzazioni sportive. Prevediamo per il 2018, come abbiamo visto con l’influencer marketing nel 2015, che nuovi marchi entreranno nel mercato cercando di emulare il successo di grandi aziende come Verizon e Nike; inizieranno piccoli e aumenteranno il budget vedendo la possibilità per la sponsorizzazione di fornire un forte ROI con utilizzo in più aree: social media, PR, marketing sul campo, visibilità del logo, costruzione della fiducia, ecc.”

[/accordion-item]

[accordion-item title=”Katherine Henderson (CEO, Curling Canada)”]

La sponsorizzazione si è evoluta in una sofisticata tecnica di marketing che va ben oltre la promozione della consapevolezza e dell’associazione di un evento a un marchio. Gli sponsor ora sanno che il modo più autentico in cui raggiungono i loro obiettivi è fornire e supportare un’esperienza eccezionale e una interazione con il prodotto sponsorizzato. Che si tratti di una squadra, di uno sport, di un evento, di un’impresa culturale, il modo più efficace in cui uno sponsor si connette veramente a un cliente è quello di mostrare ai clienti come il brand ha contribuito all’esperienza. Ciò può avvenire attraverso il potenziamento di un evento live, attraverso la connessione digitale o sociale con il cliente che sperimenta l’evento attraverso la trasmissione o anche dopo l’evento, momento in cui lo sponsor dà al cliente l’opportunità di ri-sperimentare i momenti più emozionanti dell’evento. Queste aree di affinità del marchio sono più difficili da misurare e una conversione futura è un concetto più difficile da quantificare in termini di profitti, quindi i marketer e i responsabili sponsor dovranno lavorare bene con la ricerca, l’analisi dei dati e le persone per trovare il valore reale e completo di una sponsorizzazione su un arco di tempo più lungo”
[/accordion-item]
[accordion-item title=”Sean Callanan (Fondatore, Sports Geek)”]
I dati continuano a essere il fulcro della sponsorizzazione sportiva. Le squadre e le federazioni che comprendono i propri flussi di dati sono pronti a organizzare campagne di sponsor che colpiscono nel segno. Il 2018 vedrà squadre e federazioni offrire campagne completamente integrate, campagne che sono tradizionalmente state il dominio delle agenzie media. Difatti solo i team e le leghe possono offrire una conoscenza approfondita di quali contenuti funzioneranno, di come integrare il messaggio dello sponsor all’evento live e alle piattaforme digitali.
[/accordion-item]
[/accordion]